Arrenderci al corpo con la BIOENERGETICA

download

“L’idea della resa è impopolare per l’individuo moderno, il cui orientamento si basa sull’idea che la vita sia una lotta, un combattimento, o quanto meno una contesa. Molte persone considerano la vita un’attività che tende a un qualche conseguimento, a un qualche successo. L’identità personale spesso è più legata all’attività della persona che al suo essere. […]
Senza una resa dell’Io narcisistico non è possibile abbandonarsi all’amore. Senza tale abbandono, la gioia è impossibile. Resa non significa […] sacrificio dell’Io. Significa invece che l’Io riconosce il proprio ruolo subordinato al sé, la propria funzione di organo di coscienza e non di padrone del corpo. […]
La parte oscura, la parte inconscia del nostro corpo è quella che fa fluire la nostra vita. Noi non viviamo in virtù della nostra volontà: la volontà è impotente a regolare o coordinare i complessi processi biochimici e biofisici del corpo, è impotente a influire sul metabolismo del corpo, da cui dipende la nostra vita. E questo è un concetto molto rassicurante perché, se fosse vero il contrario, la vita si spezzerebbe al primo fallimento della volontà.
[…]
Le illusioni sono difese dell’Io contro la realtà […]. La salute emotiva è la capacità di accettare la realtà e di non sottrarsi a essa. La nostra realtà di base è il nostro corpo. […] Ogni parte del corpo contribuisce al nostro senso del sé, se siamo in contatto con essa. E possiamo avere questo contatto solo se è viva e mobile. Quando ogni parte del corpo è carica e vibrante, ci sentiamo vivi in modo vibrante e felici. Ma perché ciò accada dobbiamo arrenderci al corpo e ai suoi sentimenti.
Questa resa significa lasciare che il corpo diventi pienamente vivo e libero. Significa non tradirlo e non controllarlo. Il corpo non è una macchina che noi dobbiamo avviare o fermare. Possiede una sua mente e sa cosa deve fare. In realtà, ciò a cui rinunciamo è l’illusione del potere della mente.
[…] Fare è l’opposto di arrendersi. Fare è una funzione dell’Io, mentre arrendersi al corpo esige un abbandono dell’Io. […]
Naturalmente, quando il sentire è assente o ridotto, si cerca un significato alla vita oltre il sé” (pp. 26-31, 35).

Il sentire vero svuota la vita di una sua presunta direzionalità, di un suo presunto senso. Si esce dalla banale retorica di frasi patetiche quali dare un senso alla vita, cercare un posto nel mondo, avere uno scopo. Per non parlare di quella bestemmia somma costituita dalla parola ambizione.
Invece: resa, abbandono. E farsi fluire, lasciarsi andare. Lasciarsi andare: non più io vado, ma sono lasciato andare, sono portato, sono condotto. Sono fluito. Ovvero: sono arreso al mio corpo, da lui accudito. Più mi arrendo e più sento la sua potenza, la sua forza, la sua inderogabile verità. La verità del corpo, la verità della natura, la verità della materia, la verità della terra, la verità del sentire.

Non più il soggetto che produce l’azione, ma l’azione che si impone in un soggetto volatilizzato nella sua esposizione al reale, alla potenza della datità dell’istante presente. Come un ubriaco per strada, ma che sente nel suo inciampo il senso del mondo.

Alexander Lowen, dal suo testo Arrendersi al corpo

>>> BIOENERGETICA: libera il corpo e la mente     CLASSE DI ESERCIZI ANTISTRESS: martedì ore 18 >>> e in promo MERCOLEDI ore 18

prenotati per partecipare alle attività scrivi a: respirolibero@gmail.com

C E N T R O – D A R S H A N
Tel 347-760.30.15
Via Paradisi, 15/3 TRENTO
www.respirolibero.it   

visita la pagina FB     Darshan la Via del Respiro


Annunci

T’ai Chi Chih® a moving meditation

??????????? T’AI CHI CHIH®  e  QIGONG  a moving meditation

Mercoledì 19  febbraio ore 18.30-20
gratuita la prima lezione con tessera Darshan (10 Eu) su prenotazione,  solo 12 posti

T’ai Chi Chih® è la versione moderna di una antichissima disciplina cinese che mira alla salute e alla crescita interiore.
Attraverso la pratica quotidiana, migliora la circolazione, aumenta l’equilibrio e il livello di coordinazione e crea un senso di benessere che, partendo dal corpo, si estende alla mente.
Coloro che si sono avvicinati a questa forma di “meditazione in movimento” sostengono che T’ai Chi Chih ha portato loro un più alto senso di energia e stima in sé stessi, assieme ad una migliore capacità di concentrazione.
Molti sostengono di aver tratto notevoli benefici contro malattie collegate allo stress come pressione alta, ulcera e disturbi del sonno. Sviluppata da Justin Stone (professore di filosofie orientali in due università californiane) nel 1974, questa nuova forma di Tai Chi è stata disegnata per il ritmo veloce della vita moderna occidentale.
Il tradizionale T’ai Chi Chuan, sviluppato in Cina millenni or sono, è una complessa sequenza di 108 gruppi di movimenti che richiede un alto livello di abilità, pazienza e disciplina. Justin Stone insegnò T’ai Chi Chuan per alcuni anni, e notò che soltanto una minima parte dei suoi studenti aveva la perseveranza di completare il corso, e che la memorizzazione della lunga sequenza di movimenti era per tutti l’ ostacolo più difficile da superare.
Sviluppò così una breve serie di 20 movimenti semplici e fluidi che avrebbero portato a risultati simili: T’ai Chi Chih® I movimenti vengono eseguiti in piedi e non è richiesta nessuna forma di abbigliamento particolare. Persone di tutte le età e livelli di forma fisica possono ottenere in breve tempo e con una pratica costante gli effetti benefici di questa semplice e affascinante disciplina.
Vi aspetto alla pratica del mercoledi  ore 18:30-19:15 presso Centro corpo-mente-spirito Darshan.

“La Consapevolezza e la Crescita interiore sono le radici del T’CC,  la Circolarità ne è il fondamento,  la morbidezza e la Continuità sono l’Essenza.”

Insegnante Accreditato:  Francesco Mondini  10 incontri settimanali di Mercoledì/Giovedì dalle ore 18:30 alle 19.45.             Prenota: solo 12 posti  

C E N T R O – D A R S H A N Tel 347-760.30.15 Via Paradisi, 15/3 TRENTO www.respirolibero.it

 

Classi di Bioenergetica

“Per sapere ciò che siamo, dobbiamo essere   consapevoli di ciò che sentiamo”                                                                                                          Alexander Lowen

Esercizi 2w

BIOENERGETICA: CLASSE DI ESERCIZI ANTISTRESS:
inizio da mercoledì 6 marzo ore 18.30-19.30

Autopercezione, radicamento (grounding), carica e scarica energetica, rilassamento ed espressione per sciogliere le tensioni psico-somatiche e vivere con piacere.   Con Vittorio (IPSO) su prenotazione

La BIOENERGETICA ci aiuta a entrare in contatto profondo con sensazioni, sentimenti, emozioni,  in un clima di accettazione e non giudizio, che facilita e sostiene il processo di cambiamento e di crescita.

Gli esercizi di bioenergetica attivano la respirazione e la percezione corporea ed energetica e favoriscono l’espressione emotiva per sciogliere le tensioni psicofisiche.

Sono un ANTISTRESS: riducono le tensioni e blocchi che sono all’origine di tanti disagi e malattie del vivere odierno.

Questa pratica è adatta all’uomo di questi tempi, che vive una vita complessa e piena di rapidi cambiamenti, che è spesso perso nei pensieri e poco in contatto con la totalità del corpo ed emozioni (sradicato).

A differenza dello Yoga, prevedono l’espressione emotiva, la carica e la scarica energetica, il contatto con l’altro e insistono molto sul contatto con la terra (radicamento o grounding).

La classe di esercizi di Bioenergetica è un luogo e un tempo dedicato alla cura di sé attraverso l’ascolto delle sensazioni che provengono dal corpo e la sua messa in movimento.

Questa pratica migliora la respirazione, l’equilibrio posturale, l’emozionalità percepita ed espressa. Si tende alla percezione di un corpo intero e vibrante.

                                    LA CLASSE DI ESERCIZI BIOENERGETICI :

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il conduttore della classe dirige l’attenzione dei  partecipanti sul proprio corpo e respiro, su ciò che vi accade e sulle sue sensazioni.

Li accompagna in una sequenza di esercizi volti a sciogliere tensioni muscolari nelle diverse aree del corpo, aiutando a espandere la consapevolezza e ad entrare in conatto profondo con se stessi.

Si coltiva l’energia e il sentire.

Quando, con gli esercizi, il corpo si libera dalle tensioni, l’energia intrappolata nei muscoli contratti riprende a circolare, e i praticanti possono rientrare in contatto con quelle parti di sé che si erano chiuse alla loro percezione.

Iniziando a prendere contatto con la propria realtà interna si compie il primo passo verso l'”essere” ed il relativo “ben-essere“.

Gli esercizi infatti non sono mai svolti meccanicamente ma sempre solo rispetto al sentire nel corpo.

E’ un FARE per SENTIRE.

E’ un metodo di apprendimento centrato sull’esperienza.

Obiettivi a breve termine:

– aumentare la propria percezione corporea e quindi il contatto con se stessi

– allentare e sciogliere le tensioni muscolari e quindi maggior rilassamento,

– favorire il contatto con le proprie emozioni

– imparare a scaricare lo stress psicofisico e diminuire le somatizzazioni

–aumentare il benessere, la vitalità e il piacere

– incrementare il radicamento nella realtà (grounding)

–integrazione tra mente e corpo,

Obiettivi a lungo termine:

 – scioglimento delle tensioni muscolari croniche,

– migliore scioltezza e armonia dei movimenti,

– una maggiore padronanza di sé,

– aumento del livello energetico disponibile,

– liberazione dei sentimenti e dell’auto-espressione

rr

Possono essere praticati da tutti, uomini e donne di ogni età e sono indicate soprattutto per i bambini, adolescenti, adulti e anziani, anche se hanno artrosi e osteoporosi, per le donne in gravidanza, per la preparazione al parto e più in generale per chi desidera ritrovare la capacità di sentirsi più vitale, più vibrante, più gioioso.

Praticati con regolarità, almeno una volta alla settimana, consentono di ritrovare la possibilità di abbandonarsi piacevolmente al fluire dell’energia, influendo positivamente anche sull’umore.

Le classi sono un’occasione di benessere, uno spazio tutto per sé per recuperare energie, scaricare tensioni, rilassarsi ed entrare in contatto con il proprio corpo in modo piacevole.

Fondata da Alexander Lowen, la Bioenergetica è un approccio terapeutico che si occupa della connessione mente-corpo e che aiuta a ritrovare una sintonia maggiore tra corpo, mente e spirito. È un metodo che porta a stimolare e liberare la forza vitale e può rappresentare un ponte fra le discipline e le filosofie orientali e la psicologia occidentale.

La Bioenergetica è una modalità per comprendere la personalità attraverso il corpo ed i suoi processi energetici.

C E N T R O – D A R S H A N
Tel 347-760.30.15
Via Paradisi, 15/3 TRENTO

www.respirolibero.it