benefici del buon respiro

Il Breathwork è una pratica energetica olistica, che armonizza tutti i livelli dell’essere: fisico, emozionale, mentale, spirituale, che corrispondono ai 4 corpi principali.
Il respiro influisce e condiziona i vari corpi dal più denso al più sottile (sono 7).

1) livello fisico

il respiro profondo è lo strumento più importante di PURIFICAZIONE:

elimina il 70 % delle tossine (quelle prodotte continuamente dal corpo e quelle introdotte da noi in vari modi), evitando così gli effetti dannosi di diversi tipi di inquinanti

che possono essere presenti nell’organismo, come prodotti chimici (farmaci, anestesie subite, tabacco, conservanti e coloranti…) anche dopo anni…

e VITALIZZAZIONE: ci carichiamo di prana (energia vitale),

il respiro è il nostro cibo più importante, molto pìù dell’acqua e dei cibi solidi.

provate a non respirare per 3 minuti…

2) livello emozionale

il Rebirthing agisce come ANTISTRESS,

aiutando a “digerire” (o integrare) tutte le emozioni che abbiamo tentato di non sentire (bloccando il respiro) e quindi somatizzato (creando così tensioni e disturbi dell’umore fino a vere e proprie malattie psicosomatiche).

E’ un rilascio di tossine emozionali.

Anche gli effetti di una vita frenetica, tesa e stressante vengono attenuati e fastidi ormai ritenuti comuni come ad esempio emicrania, tensioni muscolari, acidità di stomaco spesso scompaiono.

Attraverso il Rebirthing il raggio della consapevolezza si espande e si viene a contatto gradualmente con il subcosciente. Ad esempio è possibile ricontattare emozioni vissute in passato che per qualche ragione sono rimaste sospese nel profondo della persona (paure, rancori, dolori, amore, desideri…).

Il Rebirthing accompagna la persona attraverso un percorso d’integrazione di tutti questi vissuti.

3) livello mentale

c’è una stretta interdipendenza tra respiro e mente,l’una può condizionare l’altra,

quindi questo tipo di respirazione conduce ad una maggiore CHIAREZZA e LUCIDITA’,

aiutandoci ad uscire dalla matassa dei pensieri,

e permettendo così di ricevere maggiore intuizione e comprensione di sé e della vita.

Emergono, come per magia, comprensioni nuove. Queste non sono frutto di un’elaborazione mentale, bensì di un spontaneo processo di chiarificazione interiore.

La persona si trova così a “vedere” la vita da una nuova angolazione scoprendo la relatività delle interpretazioni personali.

4)  livello spirituale, questo speciale modo di respirare, ci porta a sperimentare gradualmente e direttamente il divino in noi,

ossia, per le menti più scientifiche,stati espansi di consapevolezza, codificati in occidente dalla psicologia transpersonale come “peak experiences”.

E’ questo un campo infinito di sperimentazione, che va dall’entrare in stati di intensa consapevolezza e luce interiore a stati di amore espanso, di vuoto e silenzio, al rivivere esperienze simboliche o archetipiche o di vite passate.

Il respiro intenso permette un temporaneo distacco dall’ego, causa primaria di ogni nostra tensione e sofferenza, consentendo quindi di assaporare un rilassamento e una gioia mai provati prima.

Il Rebirthing viene dal Pranayama, che è la “scienza del respiro”, il controllo della forza vitale (prana) che respiriamo.

Iniziamo con l’evidenziare tre fatti importantissimi,

frutto dell’esperienza degli yogi, che vi invito a verificare:

1- l’energia vitale nel nostro essere è veicolata dal respiro;

2- è diretta dall’attenzione cosciente: “dove dirigiamo l’attenzione, là si dirige l’energia”;

3- la respirazione è l’unica attività corporea che, pur essendo involontaria e quindi non cosciente per la maggior parte del tempo, può essere facilmente posta sotto il controllo diretto della volontà in qualunque momento.

Questo ne fa una sorta di “cancello di comunicazione” privilegiato fra il conscio e l’inconscio :

quando la mente è agitata, il respiro è agitato; quando il respiro è calmo, la mente è calma“.

La conoscenza e l’applicazione della “scienza del respiro” ci conducono dunque verso:

 – l’accrescimento della nostra energia vitale;

– lo stato di presenza e attenzione cosciente;

– il controllo dei nostri stati mentali ed emotivi;

Ecco perchè i saggi di ogni tempo hanno sempre studiato e praticato le tecniche respiratorie sviluppando una vera scienza e arte del Respiro.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...