Storia dell’Enneagramma

Questo simbolo fu considerato il segreto dei segreti:
la chiave di rinnovamento perpetuo di Sè.

Le origini dell’Enneagramma si perdono nella notte dei tempi:
questo simbolo esoterico era mantenuto segreto e trasmesso direttamente
da “bocca ad orecchio”e solo da pochi anni è uscito dalla segretezza.

Fu gelosamente conservato in Babilonia per più di 2000 anni, per essere rivelato 2500 anni fa a Zoroastro, a Pitagora, a Platone e ad altri grandi saggi.

La stella a 9 punte racchiusa da un cerchio è un antico insegnamento di sviluppo dell’uomo che descrive 9 tipi di personalità e il rapporto tra di loro: ci permette di riconoscere il nostro tipo e di affrontare meglio il cammino di liberazione dall’ego, superando le sue trappole e fissazioni, per giungere a vivere nella nostra Essenza.

E’ la mappa che indica il nostro cammino individuale di autorealizzazione o comunque verso una vita più piena e consapevole.

I maestri lo usano per indicare all’allievo l’ostacolo principale che lo divide dalla consapevolezza di Dio e così possiamo usarlo noi…

E’ Gurdjieff, maestro spirituale e uomo avventuroso, che porta i segreti dell’E al mondo occidentale, negli anni 20-30, avendolo appreso dai sufi.

Il suo contributo alla psicologia fu enorme, soprattutto grazie agli scritti del suo discepolo Ouspensky, anche se non traccia un sistema accurato delle personalità come verrà in seguito, descrisse il funzionamento dei CENTRI della macchina umana.

I maestri sufi (il sufismo è una scuola iniziatica e mistica autentica), usavano questa mappa dell’anima per orientare i discepoli nel cammino spirituale.

Se ne trova traccia molto antica anche tra i Padri del deserto.

Fu poi Oscar Ichazo, psicologo contemporaneo, addestrato da un sufi, che nel ’70 divulgò ad una quarantina di medici, psicologi, psichiatri e terapeuti ad Arica in Cile, facendo giurare e sottoscrivere di non divulgare a nessuno queste conoscenze…

Il suo contributo: le fissazioni dell’io, le passioni, le trappole e le idee sante.

Tra i suoi allievi, Claudio Naranjo, professore di psichiatria sociale in Cile, ricercatore e scrittore fu il primo a integrare l’E con la psicologia contemporanea.

Suo contributo: rese operativo l’E individuando i meccanismi di difesa delle 9 personalità, diffuse la TRADIZIONE ORALE dell’E attraverso gruppi in cui le persone, conoscendo il loro tipo, vengono intervistate per mostrare agli altri le proprie dinamiche.

In seguito Ochs (gesuiti), Palmer e Speeth dalla California lo divulgarono a livello mondiale,

grazie anche ai loro allievi: Riso, Rohr, O Leary e alle prime pubblicazioni negli anni 72-73.

Ogni autore offre un contributo particolare alla conoscenza dell’E, privilegiando l’aspetto psicologico o la dimensione spirituale.

Grande contributo hanno dato Riso e Hudson descrivendo i 9 LIVELLI DI SVILUPPO per ogni enneatipo, facendo rilevare che ogni tipo si evolve liberandosi sempre più dalla propria compulsione, fino a trascenderla, da livelli bassi e patologici fino a medi socialmente accettabili e infine a sani, di piena realizzazione della propria Essenza.

Questa premessa serve per comprendere , seppur in minima parte, l’importanza di questo insegnamento e “la fortuna” di potervi accedere in modo più facile rispetto ad anni fa.

 

Un commento su “Storia dell’Enneagramma

  1. ottimo, finalmente posso comprendere, un pò meglio le origini dell’enneagrama; ho avuto la sensazione che in questi ultimi 50 anni lo si volesse come monopolizzare, appropriarsene; sembra invece che le sue origini siano molto più profonde e parte del patrimonio umano; non di pochi eletti.
    Grazie per queste delucidazioni.
    Pierfrancesco Pisano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...